mercoledì 26 marzo 2014

Coltivazioni casalinghe: la primavera nel cuore

Visto che la primavera atmosferica sembra averci abbandonato, io cerco di tenerla viva almeno in casa.

Sto coltivando una pianta di topinambur, per caso e per curiosità. Avevo alcuni di questi tuberi rimasti un po' troppo a lungo in frigorifero e uno aveva cominciato a mettere delle piccole radici. Considerato che amo il verde timido dei germogli, ho deciso di metterlo sopra un vasetto con le radici bagnate dall'acqua per vedere cosa succedeva. Nel giro di pochi giorni le radici si sono allungate e moltiplicate e un piccolo germoglio bianco/verde ha cominciato a crescere.
Felice di questa meraviglia mi sono informata in rete ed ho scoperto che il topinambur, Helianthus Tuberosus, appartiene alla famiglia del girasole, produce piante alte anche 2 o 3 metri, richiede poca acqua e zero trattamenti antiparassitari, e in autunno dà fiori gialli molto belli simili a piccoli girasoli. Dopo la fioritura è possibile raccogliere le radici e mangiarle, crude o cotte, avendo l'accortezza di lasciarne alcune per la riproduzione della pianta.
La mia ora è così: bella e forte!




Inutile dire che aspetto il bel tempo per metterla in vaso sul terrazzo!

Giorni fa ho letto un interessante articolo, che parla della possibilità di far germogliare e coltivare indoor alcune verdure a partire dagli scarti.
Così, oltre a non buttar via quasi niente, si possono ottenere verdure fresche e colori vivi in casa.
Ho provato subito con la base di una bella cicoria catalogna, alla quale ho appena affiancato la base di un piccolo sedano dell'orto del nonno.
Guardate cosa sta succedendo:




Tutto questo fermento vitale mi riempie il cuore di gioia e di primavera, alla faccia del tempo birichino!

Baci baci!

10 commenti:

  1. Eh, si il topinambur è una bella pianta decisamente infestante! ;-) L'avrai vista sicuramente fiorita ai bordi delle strade, sono quelle belle margheritone gialle che si vedono a inizio estate! Anche in casa e in vaso si possono coltivare tantissime cose con facilità e soddisfazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho letto, ma non sono certa di averlo visto o che lo riconoscerei con certezza. Ho sempre paura di confondermi con le piante spontanee, almeno che non siano facillime.
      Vero, da quest'anno vorrei provare almeno d'estate.
      :-)

      Elimina
  2. Wowwww!
    Devo provare con la base dell'insalata e del finocchio, io con i bimbi utilizzo i "culetti" delle carote: carinissimi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì, praticamente si ricrea quel bel ciuffo originale... simpaticissimo!!!

      Elimina
  3. ma dai che storia! mi piace un sacco il topinambur ma non sapevo di queste sue caratteristiche!
    anche io quest'anno mi sono data "all'orto" ...ho seminato pomodori, prezzemolo e lavanda sul balcone...
    aspetto...
    un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo una lavanda che è deceduta. Quest'anno vorrei riprenderla anche io. La adoro!
      Abbraccio a te!
      :-)

      Elimina
  4. Che bello! Devo provare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, e i piccoli si entusiasmano:-)

      Elimina
  5. che spettacolo! L'emozione del germoglio è come una nascita, in questi giorni al terreno è tutta una scoperta: un mandorlo, un mirto, un fico, semini portati dagli uccelli qua e la, una meraviglia... proverò anche con gli scarti dei vegetali... buoni esperimenti!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...