lunedì 10 febbraio 2014

La gratitudine

Osservare i bambini è il modo migliore per ritrovare la gioia di vivere, per recuperare il sorriso perduto in una giornata troppo piena.
Guardare il mondo dal loro punto di vista aiuta a vedere il quotidiano con occhi diversi e goderne.
Le parole chiave sono due: meraviglia e gratitudine.


Provare meraviglia per i piccoli doni della vita presuppone l'attitudine a non dare mai niente per scontato e la disposizione ad essere felici, e grati, per quello che c'è: il sole al risveglio, il viso gioioso del vostro piccolo, la casa calda e accogliente, un lavoro o il tempo libero. Esserci!

Provate a scrivere 10 cose di cui siete grati.

E ricordate di sorridere.
Oltre ad avere una sana ricaduta sulla psiche e sul corpo, il sorriso è contagioso: più sorridete più persone sorrideranno a voi. Non è magnifico?


Uno degli esercizi che propongo nei miei laboratori è quello di camminare, incontrare lo sguardo di un compagno e sorridere. Poi abbracciare quella persona come se non ci si vedesse da una vita. In silenzio, senza parole.
Re-imparare ad incontrare l'altro con il corpo fa sentire le persone più leggere e felici.

Adesso concentratevi sul vostro respiro. E' qualcosa a cui non facciamo caso generalmente, eppure il respiro ci tiene in vita.
Provate a mettere tutta la vostra attenzione nei momenti del vostro respiro: inspirazione ed espirazione. Fate in modo di essere voi stessi il vostro respiro.
E' uno strumento utilissimo anche per allontanare ansia e stress ed è la principale forma di meditazione del buddismo zen.


Per finire propongo di godere il video della piccola dolce Kayden, che incontra la pioggia per la prima volta: ha veramente molto da insegnarci.
Che cos'è la pioggia per Kayden? E per voi?


Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi”
Non si vede bene che col cuore.
L'essenziale è invisibile agli occhi.”
Antoine De Saint-Exupéry, “Le Petit Prince


Colgo l'occasione di questo post per ringraziare la gentilissima Carla del blog firmatocarla, che sabato mi ha assegnato un premio.

Buon lunedì!
♥♥♥







14 commenti:

  1. Grazie di cuore, Anna ^_^
    Concordo su tutta la linea: nel mio lavoro ho imparato quanto sia utile e positivo un sorriso, un abbraccio... e ho contagiato tutta la mia vita con questo atteggiamento: dà la carica e influisce positivamente sulle persone che ci circondano!
    Ancora grazie per questi spunti di riflessione e buona settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla, e buonissima settimana a te!
      ♥♥♥

      Elimina
  2. è vero è molto importante essere grati! GRAZIE

    RispondiElimina
  3. Nel leggere il tuo post mi viene in mente un episodio che, credo, non dimenticherò mai. La mia primogenita, di otto anni, è affetta da ipoacusia bilaterale neurosensoriale. In parole semplici non ci sente bene come dovrebbe e deve portare un apparecchio acustico bilaterale. Ebbene, il primo giorno che ha messo l'apparecchio l'ho trovata in bagno che osservava l'acqua del bidet scorrere... le ho detto: "Ma cosa fai?". E lei. "Zitta mamma... ascolta che bel suono che fa l'acqua quando scorre...". Non ti posso descrivere cosa ho provato in quel momento: un'emozione unica nel vedere una bambina alla scoperta di qualche cosa di nuovo che, per me, era la normalità... la sua gioia ne rendersi conto di aver scoperto un suono che prima le era sconosciuto... insomma... non lo dimenticherò. Eppure era una cosa così semplice e normale per me....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania,
      grazie infinite per aver condiviso un momento così speciale e unico per la tua bimba e per te: mi hai emozionato tanto.
      E' proprio così: tendiamo a dare per scontato tutto ciò di cui è piena la nostra vita perché ci sembra la normalità, ma basta fermarsi a riflettere o osservare un bambino per capire che ogni piccola cosa è un dono prezioso, che arricchirà la nostra vita.
      Buonissima serata a te!
      ♥♥♥

      Elimina
  4. Sorrido poco nei momenti e con le persone con cui dovrei, ne sono consapevole. Ma mi sto allenando, sai? Alla gratitudine prima di tutto perché credo che nel sentire la gratitudine si celi il segreto del sorriso vero. All'inizio di questo nuovo anno ho preso alla lettera il suggerimento di una blogger e annoto ogni sera su un foglietto almeno una cosa bella della giornata e la ripongo in un barattolo di latta. Ci sono giorni in cui fatico a trovare qualcosa per cui sentirmi grata, ma dopo essermi sforzata mi sento subito meglio!
    Grazie a te Anna per le cose belle che scrivi e condividi con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita a tutti noi di far fatica in certi momenti, accorgersene è un punto di partenza fondamentale.
      Ti abbraccio!

      Elimina
  5. ciao stavo scrivendo e mi si è cancellato..spero che non si ripresenti doppio...comunque ti ho "trovato" tramite blog emmaeluca mia vecchia conoscenza... e mi piace molto il tuo blog, ti seguirò con piacere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara,
      grazie e benvenuta!
      ♥♥♥

      Elimina
  6. sorridere, respirare, rallentare... guardarci dentro. E' così facile perdere il filo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdersi serve anche a ritrovarsi. O no?
      ♥♥♥

      Elimina
  7. Mi sa che prenderò spunto e presto scriverò anche io un post sulla gratitudine :-)
    Intanto grazie a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea: sarebbe bello diffondere una cultura della gratitudine. Una vera rivoluzione!
      ♥♥♥

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...